A differenza di argomenti connessi alla propaganda, per i quali gli outlet del Cremlino pubblicano dopo pochi minuti articoli ed analisi su quanto accaduto, per quanto sta succedendo ad Armyansk si assiste ad una censura che ricorda molto i fatti di Chernobyl.

I cittadini di Armyansk, una città di ventimila abitanti nel nord della Crimea occupata, ma anche in altri villaggi vicini, soffrono di irritazione alle mucose della gola e del naso da quasi due settimane. E’ verosimile che la causa vada ricercata nell’inquinamento dell’aria dovuto a sostanze industriali tossiche fuoriuscite da un impianto di trattamento della soda di una fabbrica che si chiama “Crimean Titan”, situata vicino alla città. Tuttavia trascorsi 10 giorni dall’inizio del problema, la fonte dell’inquinamento non è stata ancora identificata.

Martedì le “autorità” della Crimea hanno annunciato che la concentrazione di anidride solforosa nell’aria nella città e nei sobborghi superava la norma e la produzione nello stabilimento è stata bloccata. Donne e bambini evacuati dall’area del disastro

Tutto inizia la notte del 23 agosto quando la città di Armyansk e i villaggi vicini sono stati ammorbati da un fumo giallastro e si percepiva un forte odore sgradevole. Un rivestimento oleoso è cominciato ad apparire sugli oggetti metallici, sui tetti delle case e sulle foglie degli alberi. I cittadini hanno cominciato a lamentarsi per disturbi alla respirazione, bruciore agli occhi, alla gola e irritazioni delle mucose nasali e altre reazioni allergiche.

Tre giorni dopo, le “autorità” locali hanno ammesso che si era verificata una perdita di origine sconosciuta. Un gruppo di esperti del “Ministero dell’ecologia e delle risorse naturali della Crimea“, “direzione interregionale dell’Agenzia federale di supervisione per la protezione dei clienti e il benessere umano della Federazione russa (Rospotrebnadzor)” e rappresentanti del “Procuratore” locale hanno effettuato un sopralluogo.

Sono stati raccolti campioni richiesti per lo studio di laboratorio, la natura della sostanza depositatasi non è ancora stata identificata, stiamo aspettando i risultati dei test“, ha dichiarato Igor Mikhailichenko, “Vice Primo Ministro del governo della Crimea“.

Il giorno successivo, il 28 agosto, il cosiddetto “capo della Crimea“, Sergey Aksenov dichiarava che la forma di inquinamento inquinamento atmosferico non provocava alcuna minaccia per la vita e la salute della popolazione. Nonostante le dichiarazioni rassicuranti di Aksenov,  anche solo visivamente, chiunque poteva constatare che la situazione non era certamente normale. Nel frattempo gli esperti del Rospotrebnadzor affermavano che la concentrazione di agenti inquinanti nell’aria di Armyansk e dei suoi sobborghi non superava le norme igieniche standard.

L’impianto “Crimean Titan”, ha come attività principale la produzione di anidride solforosa, una sostanza utilizzata nell’industria della vernice e della gomma, per la produzione di materie plastiche. Oltre a questo, l’impianto produce ossido di ferro rosso, fertilizzanti minerali, acido solforico, solfato di alluminio e solfato di ferro. L’impianto ha due unità di produzione: Titan-1 e Titan-2 con una capacità massima di 40 tonnellate all’anno.

Gli esperti di Rospotrebnadzor hanno escluso l’emissione di sostanze dall’impianto in questione. Non hanno riscontrato violazioni e presumevano che la contaminazione dell’aria potesse essere connessa al funzionamento di altre imprese locali locali, ipotizzando la “Soda Crimea Plant”.

Inoltre le “autorità” locali individuano come una delle cause il caldo e l’assenza di precipitazioni.

Secondo i dati preliminari delle prove, il motivo dell’emissione della sostanza è stata   l’evaporazione del collettore acido, utilizzato dalla filiale di” Titan Investments “LLC. Ciò è stato reso possibile da un aumento per un lungo periodo della temperatura dell’aria atmosferica e dall’abbassamento del livello dell’acqua nel collettore“- ha riferito Igor Mikhailichenko

Il 4 settembre, le “autorità di Crimea” hanno dichiarato per la prima volta che l’esposizione ammissibile alla sostanza contaminata in Armyansk e nei villaggi circostanti è stata superata. “Di notte, a causa del cambiamento del tempo, della diminuzione della temperatura notturna e dell’aumento della temperatura diurna, l’esposizione ammissibile al biossido di zolfo ha superato per la prima volta il limite“, ha dichiarato Sergey Aksyonov, “Primo Ministro della Crimea“. Tuttavia, non ha reso pubblici i dati esatti relativi al livello di contaminazione e non ha detto nulla circa l’area di diffusione della sostanza.

Выбросы в Армянске: началась эвакуация детей

В северном Крыму ухудшается ситуация. Концентрация вредных веществ в воздухе превысила допустимую норму, началась эвакуация детей. Власти утверждают, что здоровью угрозы нет, а раздражения слизистой оболочки называют "аллергической реакцией"

Posted by Крым Реалии on Tuesday, September 4, 2018

Aksyonov ha anche   aggiunto che questo non non è stato un incidente del tutto inaspettato, ma un problema noto da tempo di accumulo di acido e che ora è in via di soluzione. “Entro tre giorni, prenderemo una decisione tecnica sulla risoluzione delle problematiche innescate del vapore in Armyansk. Durante la riunione del team per le emergenze, sono stati individuati due modi per risolvere il problema “, ha affermato.

Le autorità della Crimea” riferiscono che la prima variante sarebbe quella di riempire l’accumulatore di acido con l’acqua proveniente dalla Baia di Karkinit.” Secondo Aksyonov, per non peggiorare la situazione, bisogna però verificare come quest’acqua reagirà con l’ambiente acido.  Se la prima variante non dovesse funzionare, “le autorità della Crimea” tenteranno di regolare il problema dell’accumulatore dell’acido con l’aiuto di composti speciali. Tuttavia, non si sa ancora quali siano questi “composti speciali.

La produzione nella fabbrica è stata sospesa per due settimane e si è deciso di inviare tutti i bambini della scuola e dell’asilo con le loro madri in campi sanitari nelle regioni di Eupatoria, Bakhchysarai e Saky.

Lo dichiaro chiaramente: non vi è minaccia per la vita e la salute dei cittadini, non ci sono ragioni per dichiarare un’emergenza. Tuttavia, come misura di prevenzione, al fine di elaborare tutti gli algoritmi di azione, è stato deciso di annunciare vacanze per due settimane nelle scuole e negli asili“, ha dichiarato Aksyonov . In Armyansk, ci sono circa 2.300 – 2.400 scolari e 1.500 bambini nelle scuole materne che devono essere evacuati.

Il Servizio federale russo per la supervisione della protezione e del benessere dei consumatori ha raccomandato ad altri residenti di uscire raramente e qualora non si potesse farne a meno di limitare il tempo trascorso in strada,  raccomandano anche di proteggere la pelle e chiudere la bocca con una medicazione umida.

Il 3 settembre, il servizio di guardia di frontiera dell’Ucraina ha registrato un eccesso di sostanze chimiche presenti nell’aria, in particolare sostanze tossiche industriali nella regione di Kherson al confine con la Crimea occupata. Nelle ultime 24 ore, le guardie di confine del distaccamento di Kherson hanno registrato più volte l’eccesso di sostanze chimiche nell’aria, negli insediamenti di Kalanchak e Preobrazhenka. Anche  gli abitanti della città di Chabany hanno iniziato a lamentarsi sui social network del peggioramento della loro condizioni di salute.

Vadym Chernysh, ministro per i territori temporaneamente occupati, proprio come le “autorità di Crimea“, assicura che le vite degli abitanti della regione di Kherson non sono in pericolo e attualmente non vi sono ragioni per l’evacuazione. Secondo Chernysh, la presenza di anidride solforosa nell’aria è pericolosa solo in determinate concentrazioni.

Alle guardie di frontiera al confine amministrativo sono state fornite attrezzature per la difesa chimica. “Tutti i checkpoint continuano a funzionare in modo regolare e siamo pronti a fornire assistenza ai cittadini che, per sfuggire da questo disastro, vorrebbe uscire dalla penisola occupata per riparare in Ucraina continentale. I nostri medici esaminano regolarmente la salute delle nostre guardie di frontiera che prestano servizio nelle immediate vicinanze di questa fabbrica. Le guardie hanno vertigini, nausea, mal di testa, ma dopo le opportune visite mediche e l’assunzione di farmaci, questi sintomi vengono rimossi. Queste persone vengono fatte ruotare nei posti di lavoro, in modo che possano riposare ed essere esaminate attentamente “, ha detto oggi Oleh Slobodyan, portavoce del servizio di frontiera di stato dell’Ucraina.

Le autorità continuano a monitorare la situazione ambientale nella regione di Kherson: prelevare campioni di acqua, suolo e aria per l’analisi.

Il diossido di zolfo o ossido di zolfo (IV) è un composto di zolfo con un ossigeno di SO2. In condizioni normali, è un gas incolore con un caratteristico odore acuto (di fiammifero infiammato). È molto tossico. I sintomi di avvelenamento da anidride solforosa sono naso che cola, tosse, raucedine, forte irritazione alla gola e un retrogusto particolare. L’inalazione di biossido di zolfo a concentrazioni più elevate può causare soffocamento, disturbi del linguaggio, difficoltà a deglutire, vomito, edema polmonare acuto.

In caso di inalazione a breve termine, ha un potente effetto irritante e provoca tosse e irritazione della gola. Persone, animali e piante possano avere una sensibilità diversa ad una sostanza. Ad esempio, la sostanza chimica è particolarmente tossica per i bambini. Gli esperti spiegano questo perché hanno un diametro più piccolo del tratto respiratorio ed è più facile avere uno spasmo.

Inoltre, il biossido di zolfo è considerato un gas pesante: si accumula più vicino al suolo e i bambini ricevono alte dosi a causa della loro bassa statura.