Il sito Stopfake.org è stato creato nel marzo 2014 da docenti e alunni della Università Mohylianka del Giornalismo e studenti di “futuro digitale del giornalismo“, un programma specifico per giornalisti e redattori.

La squadra si è poi arricchita negli anni di altri giornalisti, specialisti di marketing, programmatori, traduttori, e volontari che hanno a cuore le sorti dell’Ucraina e dell’informazione.

Inizialmente lo scopo principale della comunità era il controllo e la confutazione della disinformazione e della propaganda relativa a fatti che accadevano in Ucraina. In seguito il progetto si è trasformato in un hub di informazioni dove si analizza il fenomeno della propaganda del Cremlino sotto tutti gli aspetti e tutte le sue manifestazioni.

Oltre alla influenza della propaganda sull’Ucraina cerchiamo anche di studiare i metodi di influenza applicati su altri paesi e regioni, in particolare verso l’Unione europea e l’ex Unione Sovietica.

La nostra squadra è in continua crescita, si aggiungono costantemente professionisti dei media che controllano, modificano, traducono e diffondono le informazioni in tredici lingue. L’Italia è attualmente il quarto paese al mondo ove Stopfake è più seguito dopo Ucraina, Russia e Stati Uniti.

Il primo obiettivo è ora quello di tracciare una linea rossa tra informazione fattuale e disinformazione. A fine 2016 abbiamo avuto una media giornaliera di 20.000 visite e 180.000 follower sui vari social network.

I nostri contenuti li potete leggere sul sito, guardare su Internet e sui canali televisivi locali in Ucraina, ascoltarne i podcast e i programmi radiofonici, nonché potete comunicare con noi sui social network.

Va evidenziato che il progetto StopFake.org non ha nulla a che fare e non è supportato finanziariamente da organizzazioni governative in Ucraina. Siamo un’organizzazione giornalistica il cui obiettivo principale è la verifica delle informazioni e la lotta per una chiara delimitazione tra il giornalismo e la propaganda.

Raggiungiamo questo obiettivo non solo attraverso la confutazione di alcuni fakes, ma anche attraverso la creazione di un archivio della propaganda, l’analisi delle queste informazioni, lo svolgimento di corsi di formazione per la verifica delle informazioni, la partecipazione a conferenze e seminari come relatori.

Inizialmente il progetto era completamente  su base volontaria, in seguito l’attività si è evoluta  grazie al crowdfunding, donazioni dei nostri lettori, donazioni di attori istituzionali esteri. 

La squadra del progetto Stopfake: Babak Artem, Borodiychuk Bogdan, Vitkowski Artem, Mauro Voerzio, Heschel Vadim, Gontar Margo, Deynichenko Ruslan, Dimitrova-Martyniuk Sonia, Zhdanova Maria, Zalitok Kira, Kovalchuk Maria, Lesko Oleg, Mosendz Alina, Nazaruk Taras, Panin Yuri, Pinsker Oksana , Purish Mikhail, Romaniuk Victoria, Sugonyako Alina, Fedchenko Evgeniy, Chalupa Irena, Chernous Anna, Zhurkova Olga, così come i lettori attivi che rivelano i fake.

La squadra del progetto ringrazia i colleghi che hanno contribuito a creare e sviluppare Stopfake in diverse fasi: Avramenko Denis, Archer Gay, Venzhik Ekaterina, Voronov Igor, Dutsik Diana, Karpenko Ksenia, Koltsov Mikhail, Kukulevsky Nikita, Kushnir Lyudmila, Lepetun Yan, Matychak Tatiana, Mikhailiv Daria, Mishchenko Nina, Morfett Elizaveta, Starova Helga, Churina Elena, Shankovsky Oleg.

Tutti gli interessati sono invitati a far parte della nostra comunità e dare il loro supporto.

Se trovate qualche informazione falsa siete pregati di segnalarcelo via e-mail [email protected]

Qui potete trovare delle utili informazioni (in lingua inglese) circa la nostra attività: