La nuova Propaganda Russa

Conoscere le tecniche utilizzate dalla propaganda può aiutare a capire quando ci troviamo di fronte ad una notizia artefatta il cui scopo non è quello di informare ma bensì si propone altri scopi.
Finalmente, dopo anni di quasi silenzio, nel mondo si sta sviluppando la consapevolezza della necessità di contrastare la propaganda russa che ha come unico scopo la destabilizzazione del sistema europeo.
Si deve partire dal presupposto che la propaganda russa che sta oggi minacciando seriamente le democrazie occidentali differisce dalla nozione pura di propaganda per entrare in un più ampio ambito di “guerra informativa
L’uso della disinformazione da parte del Governo russo non ha lo scopo di “convincere” o “persuadere” le masse, ma quello di “minare le società” e di “agitarle“. Questo concetto è noto come “guerra di informazione psicologica“. E ‘una tattica usata per disorganizzare e demoralizzare un avversario. Si combatte nel campo della percezione e nelle menti degli uomini.
Si attua sia in tempi di pace che in tempo di guerra.
Il messaggio fondamentale di questa guerra è semplice “Gli Stati Uniti stanno conducendo una lotta per il predominio del mondo e chiunque cerchi di contrastarli è nel giusto“, un messaggio che ha molta presa nelle società occidentali europee che negli ultimi trenta anni hanno sviluppato un diffuso sentimento anti americano.
Questo messaggio è personalizzato varia da paese a paese, e comprende sia tematiche di politiche locali che estere. Ad ogni paese la sua propaganda, così per la Germania si tocca il tema caldo dei profughi inventando la notizia della tredicenne stuprata dai Siriani, in Inghilterra Sputnik ha cavalcato la Brexit durante la campagna elettorale, in Polonia si sottolineano come i valori dell’europa siano degradanti, in Italia come le sanzioni contro la Russia producano effetti negativi per l’economia italiana e così via. La propaganda ritaglia il vestito su misura ad ogni paese.
Tutto ciò invece che viene imputato alla Russia viene descritto come un disegno planetario che va a giustificare le tesi dell’assedio permanente. Così lo scandalo per il doping di Stato sono solo invenzioni, i conti di Putin a Panama una denigrazione, l’invasione dell’Ucraina una frottola etc. etc.
La teoria moderna della guerra di informazioni russa deriva direttamente dalla spetspropaganda, insegnata presso l’Istituto militare russo di lingue straniere già nel 1942, ma con origini che si trovano nel profondo dell’ideologia marxista-leninista. Agitprop è la combinazione di agitazione (discorso) e di propaganda (parole), risale agli anni immediatamente successivi alla rivoluzione russa. Propaganda e dezinformatsiya [Disinformazione] erano caratteristiche familiari durante la guerra fredda. Il grande salto è stato fatto nell’ultimo decennio sfruttando le nuove tecnologie della comunicazione quali internet e rafforzando il sistema dei media tradizionali con la creazione di un network tradotto in più di 30 lingue (RT e Sputnyk)
Sin dal 2008 con l’occupazione della Georgia abbiamo assistito ad una evoluzione significativa della propaganda russa. Tale nuovo approccio è stato pienamente visibile nel 2014 durante l’annessione della penisola della Crimea. Si tratta di una via completamente nuova che sfrutta i vantaggi derivanti dalle nuove tecnologie e dai nuovi media, una via che era inconcepibile durante l’epoca della guerra fredda. I tools prevedono l’uso di internet, dei social media, dei media tradizionali e di “giornalisti” professionali ed amatoriali sul territorio.
Tale nuova propaganda è caratterizzata da due principali linee :
1) un gran numero di informazioni e canali sui quali veicolare l’informazione
2) la mancanza di vergogna nella produzione di notizie false
Una definizione data da uno studioso è che “la propaganda russa confonde e travolge l’audience
Alle due precedenti caratteristiche se ne aggiungono altre due di altrettanta importanza
1) essere CONTINUA
2) essere RIPETITIVA
Molti aspetti di successo della propaganda russa hanno fondamenta sorprendenti nella letteratura psicologica.
La Propaganda russa è prodotta in un impressionante VOLUME di informazioni distribuite su un altrettanto impressionante numero di CANALI. testi, video, audio sono propagati attraverso internet, i social media, i broadcaster satellitari, radio e giornali.
I produttori di tali informazioni e i “disseminatori” comprendono anche un importante numero di “troll” a pagamento,  che spesso hanno anche il compito di attaccare le “altre verità” e chi comunque non è allineato con il dogma imposto da questo nuovo Grande Fratello.
Vi sono infatti decine di migliaia di account “Fake” su Facebook, Twitter e Vkotakte mantenuti dalla propaganda russa. Come riferito da uno stesso “troll” che ha lavorato in una di queste fabbriche, il loro lavoro consiste in turni di 12 ore nelle quali devono sviluppare almeno 135 post di almeno 200 caratteri.
RT (Russia Today) è un famoso canale satellitare russo tradotto in diverse lingue e presente in mezzo globo, riceve aiuti statali pari a 300 milioni di dollari annui ed ha quasi un miliardo di contatti giornalieri.
Alcune ricerche hanno dimostrato che per raggiungere il successo la propaganda necessita di avere un gran numero di fonti che trattino argomenti differenti ma che puntano alla stessa conclusione.
RICEVERE lo stesso messaggio da più fonti è più PERSUASIVO
La definizione precedente comporta che la gente dia per scontato che le informazioni provenienti da più fonti sono probabilmente basate su diversi punti di vista e quindi lodevoli di maggior credibilità.
Gli ENDORSMENT da parte di un gran numero di utenti aumenta la fiducia dei fruitori della notizia ponendo spesso scarsa attenzione alla credibilità ed alla veridicità della stessa.
La CREDIBILITA‘ può essere sociale; cioè, le persone sono più propense a percepire come una fonte credibile se gli altri la percepiscono credibile. Questo effetto è ancora più forte quando non vi sono abbastanza informazioni disponibili per valutare l’attendibilità della fonte.
Quando il VOLUME delle informazioni è basso, i destinatari tendono a favorire gli esperti, ma quando il volume è alto, i destinatari tendono a favorire le informazioni da altri utenti.
Nel forum online, i commenti che ATTACCANO la competenza e l’affidabilità di un sostenitore ne diminuiscono la credibilità e diminuiscono la probabilità che i lettori agiscano in base a ciò che hanno letto.
La letteratura psicologia sperimentale suggerisce che tutte le altre cose sono uguali, i messaggi ricevuti in maggior volume e da più fonti saranno più convincenti. La Quantità in effetti ha una qualità tutta sua. L’alto volume è in grado di fornire altri benefici che sono rilevanti nel contesto della propaganda russa. In primo luogo un alto volume può consumare l’attenzione e la larghezza di banda disponibile di pubblico potenziale soffocando i messaggi in competizione. In secondo luogo, un alto volume può sopraffare i messaggi che competono in un diluvio di disaccordo. In terzo luogo, più canali aumentano le probabilità che colpiscono il pubblico esposto al messaggio. In quarto luogo, la ricezione di un messaggio tramite molteplici modalità e da più fonti aumenta la credibilità percepita del messaggio, specie se una fonte di ulteriore diffusione è quella con cui un membro del pubblico si identifica.

La propaganda russa è rapida, continua e ripetitiva

La propaganda russa contemporanea è continua e molto responsive agli eventi. A causa della sua mancanza di impegno per la realtà oggettiva (discussa più avanti), i propagandisti russi non hanno bisogno di aspettare di verificare i fatti o di verificare le affermazioni; semplicemente diffondono una interpretazione degli eventi emergenti che sembra favorire meglio i loro temi e i loro obiettivi. Questo permette loro di essere straordinariamente reattivi, spesso trasmettono per primi la “notizia” di eventi. Essi potranno anche ripetere e riciclare la disinformazione in futuro. Il 14 Gennaio 2016, l’edizione del settimanale Weekly Disinformation Review ha sottolineato il riemergere di diverse storie di propaganda russe già in precedenza smentite, compreso che il presidente polacco Andrzej Duda insiste sul fatto che l’Ucraina deve restituire l’ex territorio polacco, che i combattenti dello Stato Islamico si sono uniti alle forze ucraine, e che vi è stato un colpo di stato filo-occidentale a Kiev. A volte, la propaganda russa viene prelevata e ritrasmessa da agenzie di stampa legittime; più spesso, i social media ripetono i temi, messaggi o falsità introdotte da uno dei tanti canali di diffusione della Russia. Ad esempio, fonti di notizie tedesche ridiffondono disinformazione russa sulle atrocità in Ucraina nel primi mesi del 2014, la disinformazione russa sull’UE che prevede di negare i visti ai giovani ucraini è stata ripetuta con tale frequenza nei media ucraini che lo Stato Maggiore ucraino si è sentito costretto a scrivere una smentita.
La letteratura psicologica sperimentale ci dice che le prime impressioni sono molto resistenti: un individuo è più propenso ad accettare le prime informazioni ricevute su un argomento e quindi favorire queste informazioni a fronte di messaggi contrastanti forniti a posteriori, la ripetizione porta alla familiarità, e la familiarità porta all’accettazione:
  • L’esposizione ripetuta a una dichiarazione ha dimostrato di aumentarne la sua accettazione come vera
  • L ‘ “effetto verità illusoria” è ben documentata, per cui il tasso di affermazioni come più veritiero, valide e credibili aumenta quando hanno incontrato tali dichiarazioni in precedenza rispetto a quando. sono nuove dichiarazioni.
  • Quando le persone sono meno interessate ad un argomento, sono più propense ad accettare la familiarità causata dalla ripetizione, come un indicatore che le informazioni (ripetuto al punto di familiarity) siano corrette.
  • Anche con storie assurde e leggende metropolitane, che le hanno sentite più volte, i fruitori sono più propensi a credere che siano vere .
  • Se un individuo ha già familiarità con un argomento o reclamo (ha visto prima, per esempio), essi elaborano meno attenzione, spesso non riuscendo a discriminare gli argomenti deboli da quelli forti.
la propaganda russa ha la capacità di essere la PRIMA, offre ai propagandisti l’opportunità di creare la prima impressione. Quindi, la combinazione di alto volume, multicanale, e la messaggistica continua rende i temi russi più probabili di essere familiari al loro pubblico, in quanto dà loro una spinta in termini di percezione credibilità, competenza e affidabilità.

La Propaganda Russa non è interessata alla realtà

La verità vince sempre“, la Propaganda russa contemporanea fa poco o nulla per essere attinente alla verità. Questo non vuol dire che tutto questo è falso. Anzi, al contrario: Contiene spesso una frazione significativa di verità. A volte, tuttavia, gli eventi riportati nella propaganda russa sono interamente fabbricati, come la campagna sui social media nel 2014 per creare il panico circa un’esplosione chimica a St. Mary Parish, Louisiana, che non è mai avvenuta. In questo caso la propaganda russa ha fatto affidamento su prove fabbricate, prove fotografiche di cui alcune di queste facilmente identificabili come falsi a causa della scarsa qualità del fotoritocco, per le discrepanze di scala, o la per la disponibilità degli originali (pre-alterazione). Il caso della “costruzione” di notizie false ha visto anche propagandisti russi usati come attori ad impersonare vittime di atrocità (come nel caso in cui Viktoria Schmidt ha finto di essere stata attaccato dai rifugiati siriani in Germania per la rete TV russa Zvezda)
Le Notizie di RT e Sputnik, sono più una miscela di infotainment e di disinformazione che non di informazione reale nonostante i loro formati intenzionalmente assumono l’aspetto di programmi di informazione adeguati.  Ad esempio, RT ha dichiarato che il Blogger Brown Mosè (un critico convinto del regime di Assad in Siria il cui vero nome è Eliot Higgins) aveva fornito un’analisi dei filmati che suggerisce che gli attacchi con armi chimiche del 21 agosto 2013, erano stati perpetrati dai ribelli siriani. In realtà, l’analisi di Higgins aveva concluso che era il Governo siriano responsabile degli attacchi.
Perché questa disinformazione dovrebbe essere efficace? In primo luogo va considerato che le persone sono spesso cognitivamente pigre anche a causa di un sovraccarico di informazioni (in particolare su Internet), secondo, le persone sono spesso senza strumenti culturali per discriminare la vera informazione da informazioni false.
Di seguito sono riportati alcuni esempi tratti dalla letteratura:
  • Un fenomeno noto come “effetto dormiente” descrive come fonti a bassa credibilità hanno un maggior impatto persuasivo con il passare del tempo. Mentre le persone fanno una prima valutazione della credibilità di una fonte, nei ricordi le informazioni sono spesso dissociate dalla sua fonte. Così, le informazioni provenienti da una fonte discutibile possono essere ricordate come vere mentre la sorgente dimenticata.
  • Le informazioni che sono inizialmente assunte come vere, ma successivamente ritrattate, o ne è provata la loro falsità, possono continuare a vivere nella memoria delle persone ed a influenzare il loro ragionamento.
  • Anche quando le persone sono consapevoli del fatto che alcune fonti (come ad esempio durante la campagna politica) hanno il potenziale per contenere disinformazione, essi mostrano ancora una scarsa capacità di discriminare tra le informazioni false e quelle vere.
  • I temi familiari o messaggi attraenti, anche se falsi, che si collegano con l’identità di gruppo o con racconti familiari o che suscitano emozioni, possono essere particolarmente convincenti.
  • La letteratura descrive gli effetti di questo approccio:
  • Qualcuno è più propenso ad accettare le informazioni quando sono in linea con gli altri messaggi che la persona crede essere veri.
  • Le persone soffrono di “bias di conferma”: Considerano cioè notizie e opinioni che confermano le credenze esistenti come più credibile rispetto altre notizie e opinioni, a prescindere dalla qualità delle argomentazioni.
  • Qualcuno che è già male informato è meno propenso ad accettare le prove che vanno contro la notizia a cui lui crede.
  • Storie che creano eccitazione emotiva nel ricevente (ad esempio, disgusto, paura, felicità) hanno molto più probabilità di essere ritrasmesse, sia che sono vere o no.
  • Messaggi forti sono molto più accettati da una comunità arrabbiata
  • Falsi messaggi sono più facilmente accettati se corredati di evidenze, anche se le evidenze sono false.
  • Una trasmissione che si presenta come un notiziario, anche se si tratta in realtà di una trasmissione di propaganda, può essere accordata con lo stesso grado di credibilità di un vero notiziario.
La percentuale di falsità accettate aumenta ancora di più quando la disinformazione è coerente con narrazioni o preconcetti detenuti da vari tipi di pubblico. Se le prove vengono presentate da fonti apparentemente credibili,  i messaggi hanno ancora più probabilità di essere accettati. Questo è il motivo per cui i canali russi di propaganda finto-notizie, come RT e Sputnik, sono così insidiosi. Visivamente, sembrano programmi di informazione, e le persone che appaiono su di essi sono rappresentati come dei giornalisti ed esperti

La Propaganda Russa non si interessa di essere coerente

La caratteristica distintiva finale della propaganda russa è che non si impegna ad essere coerente. In primo luogo, diversi media propagandistici non necessariamente trasmettono gli stessi temi o messaggi precisi. In secondo luogo, diversi canali non necessariamente trasmettono lo stesso account di eventi contestati. In terzo luogo, diversi canali o rappresentanti non mostrano paura di “cambiare la loro visione.” Se la falsità o le false dichiarazioni sono esposte o non sono ben accolte, i propagandisti potranno scartare e passare a un nuovo tema (anche se non necessariamente più plausibile).
Uno dei maggiori esempio di quanto sopra descritto è il caso del volo Malesyan Airline MH17 che ha visto succedersi diverse “verità”
Anche il Presidente Putin non è immune da questa strategia, dapprima negò la presenza di truppe russe in Crimea parlando di omini verdi che si erano comprati le divise su Ebay per poi dichiarare durante una lunga intervista televisiva che gli “omini verdi” erano in realtà soldati dei reparti speciali russi.
Da una parte le teorie tradizionali riferiscono che se le sorgenti delle notizie non sono credibili, queste non saranno neanche persuasive e potrebbero essere addirittura dannose, dall’altra la psicologia sperimentale asserisce che le contraddizioni possono indurre il desiderio di capire perché un cambiamento di opinione o di messaggi si è verificato.e che la nuova versione del
messaggio può avere anche un maggiore impatto persuasivo. Questo si collega anche al fatto che quando una sorgente sembra aver considerato diverse prospettive, la fiducia dei consumatori attitudinale è maggiore. Una fonte che cambia la propria opinione o un messaggio, può essere percepito come se avesse dato maggiore considerazione al tema, influenzando la fiducia nel destinatario.

Cosa di deve fare per contrastare la propaganda ?

Il primo passo Il primo passo è riconoscere che questa è una sfida non banale. In effetti, gli stessi fattori che rendono la propaganda russa efficace la rendono anche molto difficile da contrastare. Ad esempio, contrastarla con le tecniche tradizionali della contro propaganda, ancorati al dogma che prima o poi la verità emerge e che le notizie devono essere verificate prima di essere diffuse, risulta una tecnica attualmente perdente.
La propaganda russa arriva sempre per prima nelle notizie e se anche poi queste verranno dimostrate false, è provato che la maggior parte delle persone rimarrà con impressa nella mente la prima informazione ricevuta.
Bisogna quindi partire da un assunto fondamentale, NON CREDERE CHE PRIMA O POI LA VERITA’ VERRA’ A GALLA
Tre sono le misure che hanno una certa efficacia per il contrasto della disinformazione
1) Un avviso rapido quando viene pubblicata la falsa notizia
2) Ripetizione della ritrattazione
3) Fornire una storia alternativa che possa coprire il GAP lasciato dalla ritrattazione della notizia falsa
PREAVVERTIRE è forse la tecnica che funziona meglio rispetto il rifiuto o la ritrattazione di una notizia di propaganda che è già stata distribuita
I Propagandisti ottengono un vantaggio, quando possono offrire la prima impressione, ed una volta effettuata questa è difficile da superare. Se, invece, il pubblico potenziale è già stato innescato sulla tematica con una corretta informazione, la disinformazione si ritrova nello stesso ruolo come se fosse una ritrattazione o confutazione
Può essere più produttivo per evidenziare i modi in cui propagandisti russi tentano di manipolare il pubblico, piuttosto che combattere le manipolazioni specifiche.
Un’altra strada potrebbe invece essere quella di contrastare gli effetti voluti dalla propaganda invece che i propagandisti. Utilizzare cioè quello che loro scrivono e dicono per focalizzare quale scopo vogliono raggiungere ed attrezzarsi per non permetterglielo.
Infine (ma come il precedente punto questo può essere effettuato solo da organizzazione Governative) interrompere il flusso informativo andando a minare questo flusso anche con operazioni di hackeraggio e guerra cibernetica.
Questo articolo si basa su studi e fonti differenti tra cui la ricerca condotta da Christopher Paul and Miriam Matthews della RAND Corporation.
Mauro Voerzio