Riportiamo un’ottimo articolo di InformNapalm che partendo dal video pubblicato dall’FSB russa, analizza delle grosse incongruenze con quanto dichiarato in merito all’arresto di “terroristi ucraini”

Il 10 novembre 2016, il Servizio di Sicurezza Federale russo ha annunciato di aver arrestato presunti membri di un gruppo di “terroristi ucraini” nella città di Sebastopoli, gruppo che stava preparando attacchi terroristici in strutture militari della Crimea. “Il 9 novembre 2016, il Servizio di Sicurezza Federale ha arrestato i membri di un gruppo di sabotaggio-terrorismo della Direzione dei servizi segreti del ministero della Difesa ucraino nella città di Sebastopoli che prevedeva di commettere atti di sabotaggio su obiettivi militari e infrastrutture pubbliche nel penisola di Crimea “, dice la nota dell’FSB. I detenuti avevano in loro possesso “potenti esplosivi, armi, munizioni, mezzi speciali di comunicazione”. Inoltre, fogli bianchi di carta formato lettera con il timbro dei militari ucraini Unità # A0235 sono stati sequestrati. Nello stesso appartamento sono stati trovati insegne di unità militari ucraine, un biglietto da visita di Pravi Sektor, e abbigliamento mimetico.

Più tardi, l’FSB ha pubblicato un video dell’arresto e della perquisizione dell ‘appartamento del “sabotatore ucraino.”:

Alcuni volontari della comunità di intelligence internazionale hanno analizzato il video. Si è scoperto che le armi sequestrate non sono da combattimento, ma armi da softair.

1) fucile da softair AK KTR CYMA CM040J (link al negozio on-line). Le frecce verdi indicano i cavi di collegamento della batteria.

selection_159

2) SR-3 Vikhr arma da softair (Link al negozio online):

selection_158

3) pistola ad aria MR-654K. Nota i due denti sulla culatta. La pistola Makarov PM non ha tali denti:

selection_168

4) RGS-4 granata softair  (link al negozio on-line):

selection_157

5) Puff Dino PDGG-1100 gas verde per riempire armi ad aria compressa (link al negozio on-line):

selection_162

Tutta questa serie di elementi pone seri interrogativi sulla veridicità di questo arresto. Attualmente sono poche le notizie che sono trapelate, ma ricordando il precedente Fake di alcuni mesi relativo ad un’altro attacco terroristico in Crimea i dubbi rimangono.

Ad ora abbiamo un video ufficiale dell’FSB che mette in bella mostra armi per il gioco del softair reperibili in libera vendita su internet.