Il 4 Settembre 2016 uno dei principali propagandisti russi il noto Dmitry Kiselyov nel programma finale di Domenica “Vesti Nedeli” ha più volte alterato gli eventi in Ucraina in un servizio di 6 minuti.

 

All’inizio del suo monologo dice: “Non voglio dire che l’Ucraina è per i giornalisti forse il luogo più pericoloso del mondo, ma voglio dire che i russi, che sono andati lì per la libertà di espressione, proprio per il loro rifiuto della Russia stanno perdendo quella stessa libertà in Ucraina“.

Secondo l’organizzazione non governativa internazionale “Reporter senza frontiere” nel 2016 (come nel 2015) è stato registrato un omicidio premeditato del giornalista Pavel Sheremet. Questo è al 8° posto nella lista dell’organizzazione del 2016. L’Ucraina solo nel 2014 durante la fase attiva della guerra russo-ucraina, era tra i primi 3 paesi più pericolosi per i giornalisti con 6 giornalisti uccisi (cinque dei quali nel Donbas).

 

Скриншот rsf.org

Videata RSF.org

 

Il conduttore Dmitry Kiselyov afferma che “dopo il colpo di stato il PIL del paese è stato ridotto di un terzo, e la popolazione scompare così veloce come in nessun altro luogo del pianeta”.

Secondo le Nazioni Unite nel 2015 (rispetto al 2010) paesi europei come la Lituania, Lettonia, Romania, Bulgaria, Serbia, Portogallo e qualche altro superano l’Ucraina (compresa la popolazione di Crimea) nel tasso di decrescita della popolazione.

https://esa.un.org

https://esa.un.org

 

 

Scaricando la responsabilità per il calo del PIL sul governo ucraino, Kiselev ha anche taciuto che circa il 20% del PIL del paese proveniva dal territorio russo occupato del Donbass e dall’annessa Crimea.

L’autore del programma “Vesti Nedeli” ha definito l’abolizione dei visti per i paesi dell’Unione europea come “un’idea nazionale” ucraina: “Mi vergogno a dirlo ma il Presidente ucraino Poroshenko definisce l’abolizione dei visti con l’Unione Europea un’idea nazionale“.

Per primo, Poroshenko non ha definito l’abolizione dei visti con l’Unione europea un “idea nazionale” dell’Ucraina. Nel suo messaggio per la Giornata dell’Europa il 21 maggio 2016 l’abolizione dei visti è stata descrittra dal Presidente come “il primo passo di ritorno dell’Ucraina nella grande famiglia europea”, che comprende anche una serie di riforme interne.

“Perché l’Europa per l’Ucraina non è solo un concetto geografico. L’Europa è il futuro dell’Ucraina è il suo spirito storico. L’Europa è un’idea nazionale, che regna nei cuori degli ucraini, che unisce il popolo ucraino… Il presidente ucraino ha sottolineato che per l’adesione dell’Ucraina ai paesi dell’Unione Europea abbiamo bisogno di superare due sfide. La prima è in modo efficace contrastare l’aggressione russa … La seconda sfida per costruire con successo l’Ucraina come un paese europeo è quella di effettuare “riforme ambiziose, efficaci, complete e sistemiche. Il modo migliore per effettuarle è l’accordo sull’associazione di Ucraina e l’Unione Europea e la zona di libero scambio globale, così come il piano d’azione circa il regime senza visti”- cita il servizio stampa di Poroshenko.

 

Скриншот http://vesti7.ru/

Videata Vesti.ru

 

 

Dmitry Kiselyov afferma che solo un milione e mezzo di ucraini hanno il passaporto: “Questo nonostante il fatto che il passaporto hanno solo meno di 1,5 milione degli ucraini. Se valutiamo quanti di loro hanno davvero bisogno di un regime senza visti con l’Europa, otteniamo circa l’uno per cento della popolazione totale. Per loro è un’idea nazionale“?

Per primo, il legame di avere i passaporti e sostenere “l’idea nazionale” pro-europea è una manipolazione, poiché come risulta dal punto precedente, il regime senza visti è solo uno dei suoi elementi. Per secondo, secondo il capo del servizio stampa del Servizio di migrazione di Ucraina Sergei Gunko, solo nel 2015 sono stati emessi circa 2 milioni di passaporti biometrici e ordinari. Secondo la pubblicazione DW, nel 2015 più di 700 mila ucraini hanno ricevuto i passaporti biometrici necessari per recarsi nei paesi dell’Unione europea con il regime senza visti.

Va inoltre notato che alla fine del servizio Dmitry Kiselyov ancora una volta ha accusato Petro Poroshenko di uso eccessivo di alcool. Come argomento ha mostrato un video in cui i movimenti del Presidente dell’Ucraina possono esteriormente assomigliare ai movimenti di un uomo ubriaco. Ricordiamo, nel 2015 StopFake ha smentito tre fake circa il presidente ubriaco: “Fake: L’ubriaco Poroshenko ha regalato un pallone a un disabile senza gambe“, “Fake: Il Presidente ucraino è stato ricoverato in stato di intossicazione grave da alcol“, “Fake: L’ubriaco Poroshenko è stato rimosso dal volo Kiev-Mosca“.