I media russi hanno messo in dubbio l’obiettività delle conclusioni del gruppo investigativo comune guidato dai Paesi Bassi, che sta indagando sulle circostanze del disastro del Boeing malese nei cieli del il Donbass. La base per le accuse è stato ignorare da parte del gruppo investigativo dei dati primari radar consegnati dalla Russia, il quale controllava la situazione nella zona in cui è avvenuto l’incidente. Questo è stato scritto da РИА Новости, Лайфньюз, ТАСС. I media definiscono inaccettabile la non accettazione dei dati russi, che indicano l’impossibilità tecnica di lanciare missili dal territorio controllato “DNR” vicino al villaggio Snezhnoe.

screen-shot-2016-10-09-at-12-40-55

Videata Life

Скриншот сайта ТАСС

Videata TASS

 

Allo stesso tempo, i media citano una dichiarazione rilasciata il 3 ottobre del Ministero degli Esteri russo, dove viene detto che le informazioni sono state fornite al gruppo investigativo.

“La parte russa ha invitato l’Aia a studiare con cura i dati radar primari recentemente consegnati dalla Russia, che sono la prova più obiettiva di quello che è realmente accaduto nel cielo sopra l’Ucraina al momento del disastro, e tenerne conto nelle sue conclusioni finali”.

Tuttavia, nel gruppo investigativo comune alla richiesta di StopFake hanno detto che non hanno ricevuto dalla Federazione Russa tali dati.

Non abbiamo ricevuto alcuna nuova informazione. Naturalmente la situazione potrebbe cambiare in qualsiasi momento. Ma al momento della dichiarazione del Ministero degli Esteri russo non abbiamo di certo ricevuto alcuna informazione”.

Così la dichiarazione del Ministero degli Esteri russo e i media russi circa la consegna al gruppo investigativo internazionale dei dati radar primari è falsa.