Una serie di media della propaganda – ТАСС, ВЕСТИ, Lenta.ru, Странаin.ua, Российская Газета, ren.tv, Вестник Кавказа nel Giorno dell’Indipendenza dell’Ucraina hanno diffuso la notizia che il primo presidente dell’Ucraina Leonid Kravchuk ha riconosciuto la Crimea come parte della Russia.

Скриншот сайта tass.ru

Videata Tass.ru

 

Скриншот сайта vesti-ukr.com

Videata Vesti

4

Videata strana.in.ua

Скриншот сайта rg.ru

Videata RG.ru

 

Скриншот сайта ren.tv

Videata Ren.tv

Le notizie si riferiscono ad una recente intervista di Leonid Kravchuk a UNN. L’intervista è stata realizzata appositamente per il Giorno dell’Indipendenza dell’Ucraina, in cui Leonid Kravchuk parla di “vittorie e sconfitte” dell’Ucraina durante i 25 anni di indipendenza. Questa intervista è stata divisa a citazioni nei media russi. Alla domanda del giornalista se Kiev sarà in grado di restituire la Crimea Kravchuk ha detto che “la Crimea è già stata coinvolta nella loro orbita, fa già parte del sistema federale russo. È praticamente già Russia già e il Donbass è Ucraina”. Ma se leggete l’intervista completa sarà chiaro che stiamo parlando del fatto che l’Ucraina riprenderà la Crimea, ma non sarà così veloce come con il Donbass.

Скриншот сайта unn.com.ua

Videata unn.com.ua

Le pubblicazioni che hanno alterato la dichiarazione di Leonid Kravchuk, si sono diffuse così rapidamente nei media che il primo presidente dell’Ucraina ha dovuto spiegare che cosa intendeva in realtà. È interessante notare che persino il portavoce della propaganda russa LIFE.ru ha dovuto pubblicare la smentita.

 

Скриншот сайта life.ru

Videata Life

Ecco cosa dice in realtà nella nota: “Ho soltanto constatato il fatto che la Crimea è diventata illegalmente parte della Russia, e ora restituirla sarà più difficile che per il Donbass – ha spiegato Kravchuk. – La parola – “illegalmente” – è stata taciuta dai giornalisti, anche se prima ho risposto alla domanda usando la parola “annessione”, il che significa che non potrò mai essere d’accordo con il fatto che la Crimea non è più Ucraina volontariamente e legalmente”.