Fake: l’Ucraina ha perso 98 miliardi di dollari

La pubblicazione “Rossiyskaya Gazeta” ha pubblicato un articolo nel quale riporta quanto l’Ucraina “ha perso” a causa delle “sanzioni anti-russe“.

Così il testo della notizia riporta: “L’Ucraina ha perso 98 miliardi di dollari a causa delle sanzioni anti-russe. Questo fatto riferisce la revisione della politica commerciale dell’Ucraina come membro dell’Organizzazione mondiale del commercio (OMC). La revisione è pubblicata sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico e del Commercio Ucraino “.

 

Website screenshot Rossiyskaya Gazeta

Website screenshot Rossiyskaya Gazeta

 

In realtà, tutto è assolutamente diverso. All’inizio della rapporto del WTO si comunica che “I volumi del commercio con la Russia, una volta il più grande partner commerciale, stanno diminuendo dal 2012 (dal 24,3% nel 2012 al 12,7% nel 2015), principalmente a causa dell’introduzione di restrizioni illegali e discriminatorie, che hanno portato ad una perdita di circa 98 miliardi di dollari”.(«The volumes of trade with the Russian Federation, earlier considered as the biggest trading partner, has been gradually declining starting from 2012 (from around 24.3% in 2012 to 12.7% in 2015) mostly due to the introduction of illegal and discriminatory trade restrictions overall amounting for around US$98 billion of losses in trade for Ukraine»).

 

san2

 

Come è noto né nel 2012 né nel 2013 vi erano “sanzioni anti-russe“. Al contrario la Russia ha iniziato la guerra commerciale contro l’Ucraina. Tutto è iniziato con le guerre di latte e formaggio nel 2012, quando la Russia ha vietato le importazioni di formaggio dall’Ucraina.

 

Website screenshot NEWSru.ua

Website screenshot NEWSru.ua

 

Poi, nel 2013, quando l’Ucraina ha intensificato gli sforzi per la stipula dell’accordo sull’associazione con l’UE, la Russia ha iniziato a vietare o a limitare l’importazione di prodotti ucraini in tutti i settori, dal cioccolato ai tubi e acciaio.

 

Website screenshot AiF

Website screenshot AiF

 

Nel 2015, all’elenco delle restrizioni da parte russa hanno aggiunto il sale, e dal 1 gennaio 2016 la Russia ha deciso di annullare la zona di libero scambio nei confronti dell’Ucraina e ha rifiutato di importare i loro prodotti. Solo allora l’Ucraina ha imposto le sanzioni contro la Russia.

 

Website screenshot Zerkalo Nedeli

Website screenshot Zerkalo Nedeli

 

L’affermazione di “Rossiyskaya Gazeta” è falsa, e le sanzioni in questo caso possono essere chiamate “anti-ucraine” e, di conseguenza, introdotte dalla Russia.