Fake: l’Ucraina sta mentendo sull’omicidio del cantante lirico Slipak nel Donbass

Il ministero degli Affari esteri russo ha reagito nervosamente a una dichiarazione del presidente dell’Ucraina Vladimir Zelensky durante la 74a sessione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite. La leadership ucraina è stata nuovamente accusata di russofobia, di indulgere sui “nazionalisti” e di dire “bugie” sull’omicidio del famoso cantante lirico ucraino Vasil Slipak, morto a causa di un proiettile sparato da un cecchino russo durante un’operazione speciale nella regione di Luhansk. L’oratore del ministero degli Esteri russo,  ha definito il discorso di Zelensky “un assetto”, che ha ricordato le enormi perdite dell’Ucraina a causa della guerra russa nel Donbass. Zakharova ha anche ricordato che l’Ucraina ha una “guerra civile”, e che “esperti” hanno affermato che le truppe ibride russe non hanno ucciso il cantante lirico, ma “eliminato il terrorista”

videata RT

videata Российская газета

videata ТАСС

 

Nel suo discorso all’Assemblea Generale, Vladimir Zelensky ha ricordato al mondo le aggressioni russe in Ucraina e ha sottolineato che nessuno può sentirsi al sicuro mentre il paese è in guerra. Il presidente ha anche mostrato un proiettile da cecchino dal podio delle Nazioni Unite – lo stesso che ha ucciso Vasil Slipak, che difendeva l’Ucraina nel Donbas e non ha permesso alle forze ibride di avanzare verso l’interno. Zelensky ha ironicamente aggiunto che il 21 ° secolo è il “secolo delle opportunità”.

“Quest’uomo aveva una voce divina, era uno dei migliori baritoni di tutto il mondo … un 12,7 mm non solo ha fermato la sua carriera, ma ha fermato la sua vita. Questo (proiettile) costa $ 10 e, sfortunatamente, oggi sul nostro pianeta questo è il costo della vita umana. Benvenuto nel ventunesimo secolo … Dove, invece di essere ascoltato, hai l’opportunità di essere ucciso. La persona di cui ho parlato si chiamava Vasil Slipak, questo è un ucraino, un solista dell’Opera Nazionale di Parigi, morto nel Donbass, mentre proteggeva l’Ucraina dalle aggressioni russe ”, ha detto Zelensky (vedi video dal 02.33).

https://www.youtube.com/watch?time_continue=3&v=AJKrQUDJk7M

 

Il cantante d’opera Vasil Slipak non ha nulla a che fare con il “terrorista”, come è stato chiamato nel ministero degli Esteri russo. Durante la Rivoluzione della dignità, l’ucraino era a Parigi, dove ha vissuto per circa venti anni e non poté andare in Ucraina a causa del suo contratto con l’Opera Nazionale di Parigi. Tuttavia, non si fece da parte e si impegnò nella mobilitazione della diaspora ucraina nella capitale francese. Lì, Vasily guidò il movimento volontario e coordinò le azioni pubbliche in Francia volte a sostenere l’Ucraina.

 

Nella primavera del 2015, Vasil Slipak ha cambiato abito dai concerti e dai palcoscenici del teatro dell’opera alle armature e nelle trincee, andando prima linea. Lì, Vasily prese il nickname di Mefistofele in onore all’aria della sua opera preferita, il Faust. Ha combattuto a Piski, vicino all’aeroporto di Donetsk. Ha preso parte alle battaglie per Avdeevka come parte del 7 ° battaglione separato del Corpo dei volontari ucraino, dove fu ferito dai separatisti. La seconda volta che è tornato in prima linea a settembre 2015 a Vodyanoye.  Un mese dopo è tornato a lavorare a Parigi.

 

videata Радіо Свобода

 

Nel giugno 2016, Vasily è nuovamente tornato in Donbass per portare aiuti umanitari raccolti ai soldati con i quali ha programmato di rimanere per sei mesi. Ma una settimana e mezza dopo, il 29 giugno, il cantante è morto a causa di un proiettile di un cecchino con una mitra in mano, mentre stavano respingendo un attacco dei militanti russi. Vasily ha affrontato il suo compito a spese della propria vita – durante questa operazione speciale, i combattenti delle forze armate ucraine hanno respinto l’attacco delle forze armate russe vicino al villaggio di Lugansk e si sono lanciati in un contrattacco, eliminando i combattenti da Debaltseve. Nelle trincee hanno trovato i cosiddetti “passaporti” non solo della “DNR”, ma anche di due luogotenenti russi, secondo un rapporto speciale di Gromadsky dedicato a Vasily Slipak.

https://www.youtube.com/watch?v=X128C-iQXJA
Vasily è stato seppellito nella sua città natale, nel vicolo degli eroi del cimitero di Lychakiv a Leopoli. Al servizio commemorativo in onore di Vasil hanno partecipato migliaia di persone che, per l’ultima volta, hanno tributato gli applausi più fragorosi al talento ucraino. Vasil Slipak è stato insignito del titolo Order For Courage I e nel 2017 il presidente Petro Poroshenko ha assegnato postumo al cantante il titolo di Hero of Ukraine.