Fake : L’Ucraina sta preparando un attacco terroristico in Crimea

Dal momento che la Russia ha annesso la Crimea nel 2014, i media del Cremlino presentano regolarmente servizi falsi nei quali sostengono che l’Ucraina starebbe preparando una campagna terroristica per destabilizzare la penisola. L’ultimo di questi falsi è apparso a giugno, dopo che il segretario alla sicurezza nazionale della Russia, Nikolay Patrushev, è arrivato sulla penisola per un incontro sulla sicurezza. Durante l’incontro Patrushev ha detto che la Crimea è stata minacciata da “aggressivi nazionalisti ucraini” e da altri potenziali terroristi. РБК, ТАСС, РИА новости hanno divulgato fedelmente l’avvertimento di Patrushev.

videata РБК

videata ТАСС

videata РИА

 

Patrushev ha detto che la Crimea ha affrontato un alto livello di minaccia terroristica a causa della politica dell’Ucraina di non riconoscere l’occupazione della penisola da parte della Russia. Ha detto che la Crimea era piena di terroristi e estremisti ucraini. Questi cosiddetti “estremisti”, che rappresentano anche un pericolo per il dominio di Mosca, sarebbero i tatari di Crimea e i rappresentanti della Mejlis.

Dopo che la Russia ha annesso la Crimea, Mosca ha dichiarato l’organismo di rappresentanza Tataro di Crimea, il Mejlis, un’organizzazione politica illegale. Patrushev ha affermato che il Mejlis sta “invocando attacchi terroristici” sulla penisola.

videata Газета.ру

 

Le affermazioni di Patrushev sono completamente false, come ha affermato il parlamentare ucraino e leader Mejlis Mustafa Dzhemilev, e potrebbero effettivamente segnalare una nuova ondata di repressione nei confronti dei tatari di Crimea da parte delle autorità russe. Parlando al programma Crimea Realities di Radio Liberty, Dzhemilev ha detto che usando il terrorismo come pretesto, il servizio di sicurezza della Russia, FSB, molto probabilmente inizierà una dura repressione contro coloro che non sono d’accordo con l’annessione della Crimea alla Russia.

 

videata Крым.Реалии

 

In un post su Facebook l’avvocato russo Nikolai Polozov, che rappresenta diversi prigionieri politici ucraini detenuti in Russia e in Crimea, ha fatto eco all’allarme di Dzhemilev. È certo che non appena terminerà la Coppa del Mondo 2018, Mosca ricomincerà a fabbricare casi contro coloro che non sono d’accordo con il dominio russo in Crimea.

Le autorità russe, i siloviki (i cosiddetti ministeri del potere – polizia, polizia segreta, militari) nella Crimea occupata parlano apertamente di una nuova ondata di repressione contro i tatari di Crimea. I casi saranno fabbricati nello stesso modo in cui sono stati fabbricati per gli ultimi quattro anni e mezzo di occupazione. “Avremo ricerche, rapimenti e torture. Non sanno in nessun altro modo “scriveva Polozov.

L’avvocato della Crimea Edem Semedliayev, che rappresenta anche i tartari della Crimea accusati di terrorismo ed estremismo da Mosca, afferma che l’avvertimento di Patrushev segue i principi essenziali della propaganda, sta gettando le basi e preparando l’opinione pubblica per nuove detenzioni e arresti.

Attualmente vi sono diversi casi contro presunti “sabotatori ucraini” e “terroristi” già davanti ai tribunali russi in Crimea. Solo nel 2017 il gruppo Crimea per i diritti umani ha registrato almeno 19 arresti di matrice politica che hanno provocato oltre 25 accuse penali ad altrettante persone.