Fake: Mariupol e Kramatorsk tra un mese rimarranno senza acqua

Mariupol e Kramatorsk fra un mese saranno senza acqua: il 18 luglio la risorsa della propaganda russa Украина.ру ha diffuso informazioni manipolative secondo le quali le due città nella regione ucraina di Donetsk rimarranno per un periodo indeterminato senza fornitura d’acqua, a causa della mancanza di cloro liquido alle aziende di servizi per la purificazione e la disinfezione del liquido da bere.

videata Украина.ру

videata Украина.ру

 

In entrambi i casi, l’edizione fa riferimento alle informazioni delle società  responsabili per la fornitura dell’acqua,  “Kramatorskiy Vodokanal” e “Voda Donbassa”. L’ultimo stabilimento comunale il 18 luglio ha assicurato: in azienda c’è il cloro, quindi Mariupol non rimarrà senza acqua potabile. A «Vоda Donbassa» hanno sottolineato, che in effetti il problema si è verificato, ma il reagente purificante è già stato acquistato nelle quantità richieste e non ci saranno sospensioni nella fornitura d’acqua.

 

videata «Вода Донбасса»

 

A Kramatorsk non ci sarà carenza di acqua, lo ha comunicato  la società idrica “Kramatorskiy Vodokanal” in un’intervista con Ukrinform  Le riserve proprie di cloro liquido per la purificazione sono ancora disponibili per un mese, ma esistono già canali consolidati per la fornitura dei reagenti dall’Europa – hanno dichiarato nella società. Il problema è che tale cloro sarà più costoso di quello ucraino, ma senza acqua la città non rimarrà, sottolineano nella società.

“Non ci fermeremo, tutto dipenderà dal prezzo del cloro. Inoltre, anche trasportarlo, dipende quali saranno i costi di trasporto. Poiché il cloro viene trasportato in veicoli speciali, i percorsi sono coordinati e l’auto passa solo di notte, perché questo è un carico estremamente pericoloso. Ci sono molte particolarità, ma stiamo lavorando su questo “, ha raccontato la società idrica «Kramatorskiy Vodokanal».

 

videata Укринформ

 

La minaccia della cessazione di fornitura idrica nelle città ucraine è sorta dopo che  azienda  dell’oligarca Igor Kolomoiskiy «Dneproazot», impegnata nella produzione di cloro liquido, ha sospeso il suo lavoro. Nell’istituzione hanno spiegato che non sono d’accordo con i nuovi prezzi del gas e hanno richiesto dalla direzione dell’Ucraina uno sconto e impostare la tariffa al di sotto del tasso del mercato. Tuttavia, alla società hanno anche confermato che “Dniproazot” è sempre pronto a riprendere la produzione .

 

videata «Днепроазот»

 

Il vicepresidente dell’Associazione delle società idriche dell’Ucraina  Оlga Babiy nel commento al canale 112 Ucraina  ha confermato che il cloro, importato dalla Romania, è iniziato ad arrivare in piccole quantità nel paese, ma questi volumi non saranno sufficienti. Sono in attesa gli ulteriori rifornimenti da Polonia, Slovacchia e Uzbekistan, ha detto Babiy. Ha aggiunto che la Slovacchia e la Polonia possono iniziare le spedizioni e il loro cloro può arrivare in Ucraina entro il 30 agosto. (al video 05.18-05.53).