Falso: Poroshenko voleva scambiare la Crimea con la NATO

Diversi media russi hanno diffuso articoli la scorsa settimana sostenendo che nel 2014 il presidente ucraino Petro Poroshenko avrebbe voluto scambiare la Crimea per l’adesione all’Unione europea e alla NATO. La fonte di questa affermazione è l’ex presidente georgiano Mikheil Saakashvili, che dal maggio 2015 fino a novembre 2016 è stato il governatore della provincia ucraina di Odessa. Saakashvili ha dichiarato al giornalista ucraino Dimitri Gordon che Poroshenko gli avrebbe detto che l’Ucraina dovrebbe abituarsi all’idea di non avere più la Crimea allo stesso modo in cui la Georgia ha dovuto abituarsi a perdere l’Ossezia del Sud e l’Abkhazia. Secondo Saakashvili, Poroshenko ha dichiarato: “Non avremo più la Crimea, ma la scambieremo con l’adesione all’UE e alla NATO”.

Ukraina.ru, Pravda.ru, Vesti, Sobytia Kryma, Regnum, Nakanune.ru ed altre pubblicazioni russe hanno diffuso tale notizia

È impossibile verificare l’accuratezza della affermazione di Saakashvili. Tuttavia, la posizione ufficiale del presidente dell’Ucraina, dell’UE e della NATO è esattamente l’opposto della sua affermazione, hanno ripetutamente dichiarato pubblicamente che Kyiv deve riprendere il controllo sulla penisola della Crimea occupata e non si è mai parlato di un possibile scambio.

https://www.youtube.com/watch?v=JCZJdej1ZDo

Il più grande incubo per la Russia è che dopo le elezioni, il Cremlino dovrà confrontarsi con le nostre legittime richieste ovvero che la Russia smetta di uccidere gli ucraini, ritiri i suoi militari dal Donbas, restituisca il controllo del nostro confine, restituisca la Crimea all’Ucraina e rilasci tutti gli ostaggi detenuti illegalmente Prigioni russe Arriverà il giorno in cui il prezzo per l’aggressione della Russia sarà troppo alto “ ha detto Poroshenko durante il suo discorso al World Economic Forum 2019 di Davos.

L’Unione europea aderisce sulla stessa posizione. Rivolgendosi al parlamento ucraino il 19 febbraio, il presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, ha assicurato all’Ucraina che l’Europa non riconoscerà mai l’annessione russa della Crimea e continuerà con le sanzioni.

“L’Unione europea riconosce le aspirazioni europee dell’Ucraina e accoglie con favore la sua scelta europea. Voglio ripetere che l’Europa non riconoscerà mai l’annessione russa della Crimea e non fermerà le sanzioni finché la Russia non adempirà ai suoi obblighi “, ha detto Tusk.

 

videata Radio Liberty

Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha anche parlato pubblicamente dell’illegalità dell’annessione della Crimea e del suo ritorno al controllo ucraino. “La Russia ha annesso illegalmente la Crimea e ora sta cercando di usarla per espandere la sua influenza e il controllo sul Mar d’Azov. Sosteniamo l’integrità territoriale dell’Ucraina e non riconosceremo mai l’annessione illegale della Crimea “, ha affermato Stoltenberg nel 2018.

 

videata UNIAN

 

Nei cinque anni trascorsi dall’annessione russa della Crimea e dall’invasione della regione del Donbas, l’Ucraina non è diventata un membro dell’UE né della NATO.