Molti italiani hanno imparato a conoscere il leader della Lega Nord Matteo Salvini, ma sono molti che ancora credono a tutte le sue affermazioni che spesso si contraddicono una con l’altra. Come viene esposto in seguito, molto spesso le sue affermazioni di stampo populista non si basano su dati oggettivi ma su una “verità” creata ad uso e consumo del suo progetto politico, poco importa se tali affermazioni non si basino su alcun dato analitico, lo scopo sembra essere quello di fornire al “suo pubblico” un messaggio semplice che possa rimanere impresso nelle loro menti, pubblico che avrà poi il compito di divulgarlo e renderlo una verità alternativa. Quello delle sanzioni alla Russia è stato il leit motiv degli ultimi tre anni, Salvini è riuscito ad inserire questo messaggio nelle discussioni più disparate, persino parlando di terremoto in Italia. Questa tecnica è conosciuta bene dai propagandisti in quanto l’assunto è che una bugia ripetuta ossessivamente e per tanto tempo si trasforma in una verità.

Abbiamo selezionato alcuni video presenti in rete, ma chiunque può verificare che ce ne sono a decine simili e dello stesso tenore, che ripetono sempre in occasioni diverse le stesse informazioni Si tratta di un messaggio ossessivo. Non si è mai visto nella storia politica italiana (e forse mondiale perchè neanche Trump è arrivato a tanto) un leader di un partito italiano utilizzare il suo tempo mediatico per sostenere le ragioni di uno Stato Estero (la Russia) anche quando queste tesi palesemente danneggiano l’Italia e gli italiani.

24 Novembre 2014

Le sanzioni economiche idiote adottate nei confronti di Putin non sono finanziate da Mosca, son dettate dal fatto che stando in Emilia Romagna, parlando di vita reale, 50.000 forme di Parmigiano Reggiano e di grana Padano che fino all’anno scorso noi esportavamo in Russia stanno Marcendo in Cantina

Sul sito del Parmigiano Reggiano siamo andati a vedere se questa affermazione era vera e scopriamo naturalmente che è completamente falsa, ed infatti riporta “Le rilevazioni Istat relative all’export di Parmigiano Reggiano e Grana Padano nel 2015 – seppure ancora parziali – confermano il trend di continua espansione sui mercati esteri. Da gennaio a novembre dell’anno passato la domanda dall’estero delle due DOP – escluso il prodotto venduto grattugiato – è aumentato in volume del 7,1% in confronto al medesimo periodo dell’anno precedente.”

Salvini a Mosca – “C’è relazione tra le sanzioni alla Russia e la riforma costituzionale”

Tutti hanno visto che dopo il referendum del 4 dicembre 2016 in cui ha vinto il NO non vi era alcuna relazione tra sanzioni alla Russia e referendum italiano.

Migliaia se non decine di migliaia dei nostri imprenditori oggi sono letteralmente schiacciati dalle sanzioni imposte alla Russia, loro hanno perso il mercato, sono costretti a mandare gli operai a casa perchè non possono pagare gli stipendi…. dall’Africa del Nord ogni giorno arrivano in Italia barconi con decine di terroristi con la scusa di essere dei rifugiati

Le esportazioni italiane sono cresciute nel 2016 dell’1,1% in valore e dell’1,2% in volume rispetto all’anno precedente. Le importazioni registrano invece una diminuzione (-1,4%) in valore e un aumento (+3,1%) in volume. L’avanzo commerciale ha così raggiunto, secondo i dati Istat, i 51,6 miliardi (+78 miliardi al netto dell’energia). L’espansione dell’export, secondo l’istituto di statistica, è dovuta esclusivamente ai paesi dell’area Ue (+3%).

Stucchi (del partito di Salvini) nel frattempo dichiarava ““A lungo è stato altamente improbabile, se non impossibile, che Daesh facesse viaggiare suoi affiliati sui barconi, esponendo ai rischi oggettivamente alti della traversata uomini su cui aveva investito in tempo e soldi“, afferma Stucchi, mentre oggi la situazione è “in pieno caos, e nella fuga dalla Libia quelli che non sono diretti verso sud potrebbero anche decidere di tentare la carta del viaggio in mare verso l’Europa.”

Quindi ne arrivano a decine tutti i giorni oppure è una remota possibilità ?

Perchè esporre all’estero un immagine dell’Italia che non corrisponde alla realtà ? A chi giova il gioco al massacro e l’indebolimento dell’Italia ? Dire all’estero (mentendo) che in Italia ogni giorno arrivano decine di terroristi aiuta il nostro turismo ?

“Le sanzioni ci fanno perdere un miliardo l’anno in export”, poi vedrete che in altre interviste le cifre salgono sino a cinque miliardi di euro, della serie cifre in libertà.

3 dicembre 2015 04:35 “Noi non possiamo cedere al ricatto, La Turchia è una potenza nemica, è nella NATO, purtroppo, compra il petrolio dell’ISIS”, “L’Europa invece di sanzionare la Russia dovrebbe sanzionare la Turchia

aprile 2015 attacca la Turchia

Turchia, il crociato Salvini ‘assalta’ il consolato di Milano al grido di “Allà al bar”

Alla al Bar, perchè io più che prendermela con Erdogan me la prendo coni suoi amichetti, pagati con i conti correnti, con la Boldrini con la Merkel con i reggicoda del regime turco che nel nome del denaro e dell’immigrazione fa affari con un dittatore che dovrebbe essere cancellato dalla faccia della terra

Poi accade che la Russia di Putin sigli un’alleanza a 360 gradi con la Turchia di Erdogan e da via Bellerio arriva il contrordine compagni, Erdogan non è più nostro nemico, non fa iù affari con l’ISIS (vorrebbe dire ammettere che anche Putin fa affari con l’ISIS). Anche Alesandr Dugin (il famoso rossobruno filosofo russo e mentore di Putin e di Salvini) si adopera per sostenere attivamente il regime di Erdogan. La coerenza fatta a persona.

Le sanzioni alla Russia ci costano migliaia di posti di lavoro

Il Tasso di occupazione in Italia è aumentato (fonte ISTAT) (rapporto annuale ISTAT 2016)

“Le sanzioni alla Russia ci stanno costando 4 miliardi di euro in esportazioni”

A seconda delle interviste aumenta o diminuisce la cifra del costo per l’Italia delle sanzioni, in questo servizio dice che costano 5 miliardi (era partito da uno, poi tre,poi quattro). Dato comunque falso perchè l’export italiano verso la Russia (al momento dell’intervista) era diminuito di solo un miliardo.

Senza tornare alle tabelle citate sopra dove si evince che il nostro export cresce del 7% si può analizzare il contesto dell’export verso la Russia dall’Italia. In esso si evince che c’è stata una forte contrazione del nostro export ma questo non è dovuto alle “sanzioni” (che coinvolgono solo il settore alimentare, ma la fatto che la Russia è in recessione e che a causa del basso prezzo del petrolio ha una disponibilità finanziaria notevolmente ridotta se comparata al periodo precedente il 2014. La seguente tabella riporta i dati ufficiali suddivisi per categoria.

 

Nel marzo 2014 il salario mensile nominale medio aveva raggiunto i 30.000 rubli (980 dollari), A fine 2014, visto il calo del rublo, il reddito medio netto era pari a 360 € (circa 400 dollari)  secondo l’istituto nazionale di statistica ROSSTAT. E’ chiaro quindi che la popolazione russa non poteva (e non può) permettersi di acquistare prodotti italiani importati che hanno costi molto più elevati rispetto i prodotti russi.

Le previsioni ufficiali del Ministero dello Sviluppo Economico russo parlano di una crescita del PIL dello 0,6% con un prezzo del petrolio pari a 40 dollari al barile, mentre la variante “di base plus” prevede una crescita dell’1,1% con un prezzo del petrolio pari a 48 dollari al barile. Invece, secondo le stime della Banca mondiale (World Bank) nel 2017 si prevede una crescita economica mondiale del 2,7%, mentre quella russa eguaglierà l’1,5 per cento. Nonostante tutto, permane un elevato grado di incertezza: i ritmi potranno rivelarsi superiori o inferiori ai suddetti indicatori.

Anche lo stesso MoscowTime imputa il calo degli acquisti al generale impoverimento della popolazione “Cala la domanda. Russi sempre più poveri – Nel diffondere le cifre dei prezzi al consumo – passati al 7,2%, dal 7,5% di giugno – l’istituto ha motivato il trend con una riduzione della domanda. Interpretazione che sembra trovare conferma in un recente studio, secondo cui il 41% dei russi faticherebbe ormai ad acquistare cibo e vestiti.

Qualcuno prima o poi dovrebbe spiegare (nella maniera il più semplice possibile) questi dati a Salvini.

Nel Veneto Salvini dichiarava che la situazione era disastrosa e che le aziende che lavoravano con l’export stavano chiudendo a causa della sanzioni alla Russia. (dicembre 2014).

Dopo qualche mese, andando a spulciare i dati leggiamo che :

Export Veneto a +5,3% nel 2015, seconda regione in Italia

Anche su questa affermazione non vi è alcun dato oggettivo che la può confermare, anzi lo stesso Moscow Times rilevava un preoccupante incremento di reati.

Ma vediamo alcuni macro dati per capire se è più sicuro vivere in Italia o in Russia.

Tasso di omicidi ogni 100.000 persone in Russia 9.5 (fonte Knoema)

Tasso di omicidi ogni 100.000 persone in Italia 0.8 (fonte Knoema)

Vabbeh direte voi, però almeno sul pugno di ferro verso i Mussulmani Putin ha ragione, come dice Salvini lo Zar russo non permette la schifezza che vediamo in Italia con le città “pullulanti” di islamici.

Bene a Mosca sono residenti 2,5 milioni di islamici su una popolazione totale di 12 milioni, cioè il 20% della popolazione. In Russia vi sono circa 8.000 Moschee

Confrontiamo i dati con Roma, in tutto il Lazio vi sarebbero 113.000 Mussulmani a fronte di circa 6 milioni di persone, ovvero circa il 2% mentre per le Moschee ufficiali sono 4 a cui vanno aggiunti un migliaio di luoghi di culto.

In definitiva in Russia, paese secondo il buon Salvini è il paradiso incontaminato dall’Islam c’è una percentuale del 20% di Islamici mentre nell’Italia “invasa” c’è una percentuale del 2%… per le Moschee abbiamo il rapporto di  8 a 1.

Questi dati si commentano da soli…

Sempre in merito all’Islam va ricordato che Aleksandr Dugin (mentore di Putin ed ammirato da Salvini) è un grande estimatore di questa religione specie per le sue forme più dure e pure. Dugin ha spesso fatto emergere i punti di contatto tra Islam e Ortodossia russa ed è sempre stato contrario ad identificarlo come nemico.

Chiudiamo questa carrellata con un’affermazione che per ora non è stata sconfessata ma se tanto ci da tanto, come per il materiale di cui sopra, presto avremo delle sorprese. Alla domanda chiara e precisa se la Russia finanzia in qualche modo la Lega Nord, Salvini risponde “NO, ZERO”

E per finire…. questi sono i fake solo relativi all’argomento Russia…… per il resto, beh non abbiamo tutto questo tempo a disposizione…