Il 12 novembre i media russi hanno riportato che in risposta alle richieste dei residenti locali, Putin ha ordinato di aiutare con la fornitura di gas alla città ucraina Genichesk. Questo è stato personalmente richiesto al Presidente russo da Sergei Aksènov, il cosiddetto “capo della Crimea” occupata, dopo la riunione del presidium del Consiglio di Stato a Yaroslavl.

Nelle notizie russe è anche apparso il video di questa “richiesta”. Questa volta, come all’inizio di quest’anno, Putin era d’accordo che l’aiuto è necessario, ma “dobbiamo ovviamente stabilire la disciplina finanziaria nelle relazioni con i vicini”.

 

Questa notizia è stata rilanciata da una serie di media russi – – РИА.Новости, РБК, Вести.ру, НТВ, MK.ru e altri.

 

2

videata life.ru

Скриншот сайта ria.ru

videata ria.ru

Come riferiscono i media, la fornitura di gas da parte della Crimea a Genichesk è iniziata il 12 novembre, dopo che “l’ingegnere capo dei gasdotti “Chernomorneftegaz” ha aperto la valvola”.

Pochi giorni prima dell’incontro di Putin con Aksenov in alcuni siti di informazione russi è stata diffusa l’informazione che “gli attivisti di Genichesk e di Kherson” stanno raccogliendo le firme con la richiesta di aiuto nella fornitura di gas a Genichesk. in seguito questo appello è stato consegnato a Aksenov. “Gli attivisti locali” che i media russi identificano in Gennady Sivak, non è affatto un residente locale . Sulla sua pagina Facebook è indicato che vive a Simferopol, dove ha anche un lavoro.

Скриншот страницы www.facebook.com/sivak.gennadii

videata www.facebook.com/sivak.gennadii

 

Inoltre Gennady supporta l’annessione della Crimea e le cosiddette “Repubbliche Popolari di Donetsk ” e “Repubbliche Popolari di Luhansk”.

 

Скриншот из страницы www.facebook.com/sivak.gennadii

videata www.facebook.com/sivak.gennadii

 

Il sindaco di Genichesk Aleksandr Tulupov ha detto che nella raccolta delle firme è stato anche coinvolto Eduard Kovalenko – un residente locale con posizione filo-russa. La raccolta delle firme e le attività dell’attivista ora sono al vaglio degli organi legali.

Per quanto riguarda “l’ordine” di Putin, tutta questa storia ancora una volta si è rilevata un fake. Il capo dell’amministrazione regionale di Genichesk Aleksandr Vorobyov ha negato l’informazione secondo la quale Putin ha inviato il gas a Genichesk per aiutare “la città congelata“. Ha detto che nella città non viene utilizzato il gas dalla Crimea anessa: “Per primo, la Crimea occupata non ha il proprio gas e quindi non possono aiutarci. Per secondo, il deficit del gas che potremo avere solo se il grande gelo perdurà per diverse settimane. Ciò potrebbe toccare solo il 30% degli abbonati, che in tutto sono 6000 invece di 70 mila come riportano i propagandisti russi”.

Visto che le autorità locali hanno già riferito circa i possibili problemi di approvvigionamento di gas in città, il Ministero dell’Energia e dell’Indistria carboniera ha tenuto una riunione aggiuntiva sui preparativi per la stagione riguardante il riscaldamento a Genichesk. Inoltre stanno discutendo il progetto della costruzione di un ponte di gas per il trasporto del gas nella provincia di Genichesk.

Va ricordato che all’inizio del 2016 vi è già stata una storia simile sui media russi circa il gas donato da Putin, allora il sindaco di Genichesk avrebbe chiamato Putin e gli avrebbe richiesto il gas per la città. Il Presidente russo senza alcun contratto aveva personalmente autorizzato l’invio del gas. Così allora scrisero i media russi. Naturalmente tutta questa storia era un fake.

Скриншот сайта http://www.vesti.ru/

videata http://www.vesti.ru/

 

In questo periodo il tema della preparazione per la stagione di riscaldamento in Ucraina è uno dei temi principali della propaganda russa. In precedenza, i media russi hanno diffuso informazioni che l’Ucraina non sopravviverà questo inverno senza il carbone di Donetsk.