Fake: l’ONU condanna gli attacchi ucraini alla centrale nucleare di Zaporizhia

António Guterres, segretario generale delle Nazioni Unite, non ha rilasciato dichiarazioni su un “attacco dell’Ucraina” alla centrale nucleare di Zaporizhia. Al contrario, Guterres ha sottolineato che bombardare l’impianto di Zaporizhia è un atto suicida e deve essere immediatamente fermato.

Diversi media pro-Cremlino hanno manipolato una citazione del segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres, creando disinformazione sull’attacco suicida delle forze armate ucraine alla centrale nucleare di Zaporizhia. I media russi, manipolando le parole del Segretario Generale, hanno dichiarato che l’Organizzazione avrebbe condannato “le azioni di Zelensky” nell’attacco dell’Ucraina al proprio impianto nucleare.

“Il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha affermato che gli attacchi militari ucraini alla centrale nucleare di Zaporizhia devono cessare immediatamente”, ha affermato Argumenty I Fakty citando il segretario generale delle Nazioni Unite.

In una conferenza stampa dell’8 agosto a Tokyo, Guterres ha parlato del bombardamento della centrale nucleare di Zaporizhia catturata dai russi. Ha sottolineato che gli attacchi all’impianto sono atti suicidi che devono essere fermati con urgenza. Guterres non ha assolutamente rilasciato dichiarazioni sull’attacco dell’Ucraina alla propria centrale nucleare.

Qualsiasi attacco a una centrale nucleare è un atto suicida e spero che questi attacchi finiscano e allo stesso tempo spero che l’AIEA possa avere accesso alla centrale per esercitare le sue competenze“, ha sottolineato Guterres (video 16:31, 16:58).

Durante una conferenza stampa dell’8 agosto, Stéphane Dujarric, portavoce del Segretario generale delle Nazioni Unite, ha affermato che le affermazioni russe secondo cui le Nazioni Unite avrebbero “ostacolato” la visita dell’AIEA a Zaporizhia erano ridicole.

L’idea che le Nazioni Unite abbiano ostacolato una visita dell’AIEA a Zaporizhia è, francamente, ridicola. Il Segretario Generale ha lavorato a stretto contatto con l’AIEA e la sta supportando in ogni modo possibile… siamo inoltre estremamente preoccupati per la situazione presso l’impianto che potrebbe essere attaccato o essere utilizzato come base d’attaccoha detto Dujarric.

Le truppe russe d’invasione hanno attaccato la centrale nucleare di Zaporizhia sparando sull’impianto nucleare nella notte del 4 marzo 2022. A seguito dell’attacco russo alla più grande centrale atomica d’Europa è scoppiato un incendio. L’Ucraina non ha effettuato alcun attacco ai propri impianti energetici: è stata la Russia ad aprire il fuoco sull’impianto. Questo fatto è stato confermato da molti dei partner occidentali dell’Ucraina ed è stato definito un crimine di guerra.

Le forze russe controllano ancora la struttura strategica, mettendo a rischio non solo l’Ucraina e un certo numero di paesi UE, ma anche i loro stessi territori e la Bielorussia. Il 1° agosto il segretario di Stato americano Anthony Blinken, ha affermato che gli Stati Uniti avevano prove affidabili che la Russia stesse usando la centrale nucleare di Zaporizhia catturata come “scudo nucleare”. Blinken ha spiegato che l’esercito di occupazione ha allestito una base militare e un punto di fuoco presso l’impianto nucleare, si è detto fiducioso che l’esercito ucraino non avrebbe risposto al fuoco contro la centrale nucleare ponendo il mondo sull’orlo di una catastrofe nucleare.