Editoriali

Questo articolo rappresenta opinioni personali dell’autore. StopFake potrebbe non condividere queste opinioni

Limes ci ricasca con un nuovo articolo di promozione del progetto terroristico del Donbas

Lascia un pò perplessi leggere un articolo di quella che dovrebbe essere la rivista più specializzata in italia di studi strategici, come quello proposto da Federico Giuntini il 20 luglio. L’articolo si basa sulle dichiarazioni di Zaharchenko relativi alla nuova “MalaRossia”. Si parte attribuendogli un titolo che non ha, quello di Presidente della DNR, in realtà lui si è “solo” autoproclamato leader militare e Primo Ministro della DNR, ma proseguendo

Di quale supporto politico italiano godono le milizie terroristiche nel Donbas ?

Il 12 luglio si terrà una conferenza presso la sala stampa l’aula di Montecitorio organizzata da esponenti politici di Fratelli d’Italia, in cui parteciperanno anche Irina Osipova (candidata alle ultime elezioni comunali di Roma) e Maurizio Marrone, consigliere regionale in Piemonte e fondatore del “Centro di rappresentanza DNR” a Torino. Il tema della conferenza è incentrato sulla propaganda anti ucraina e sui presunti crimini che sarebbero commessi dalla “Giunta Fascista

Il 58% degli ucraini riconosce come una minaccia la propaganda russa

Il sondaggio nazionale sul tema “La consapevolezza e l’atteggiamento verso i problemi della disinformazione e della propaganda nei media”,  è stato condotto da StopFake ed ha rilevato che il 58% degli ucraini riconosce come una minaccia la propaganda russa e la sua disinformazione. La  ricerca,condotta dall’Istituto Internazionale della Sociologia di Kyiv, ha raccolto le opinioni di 1110 intervistati,   appartenenti a diverse zone geografiche e  di due focus group nella regione

La verità su Andrea Rocchelli

Abbiamo incontrato Evghen Yenin vice Procuratore Capo dell’Ucraina, lo abbiamo intervistato sulle notizie che stanno circolando sui quotidiani in questi giorni in Italia su una supposta ritrosia da parte della Procura ucraina a rispondere alle domande degli investigatori italiani, se non vera e propria malafede per “coprire” quello che in Italia è stato definito un “agguato” da parte dell’esercito ucraino che avrebbe intenzionalmente ucciso il nostro giornalista. Alcuni di questi

Serie i miti della propaganda : Mito 3. Bandera e nazionalisti ucraini erano agenti dei servizi speciali dei nazisti

La propaganda sovietica  ha sostenuto a lungo che Bandera, Šuchevyč e tutti i membri della OUN (B) furono agenti della Gestapo,  SS, SD e Abwehr. Com’era veramente?   L’UCMC pubblica  la versione abbreviata e tradotta dell’articolo pubblicato sulla rivista ucraina  Novoe vremia. Stereotipo Stepan Bandera, Roman  Šuchevyč  e tutti i membri di OUN (B) furono agenti della Gestapo (La Geheime Staatspolizei (dal tedesco: Polizia segreta di stato), comunemente abbreviata in Gestapo, era la polizia segreta della Germania nazista),

10 miti sull’UPA: chi e perché ha soprannominato “scagnozzi nazisti” l’UPA

L’UPA (in ucraino  Ukrains’ka Povstans’ka Armija) è stato un esercito paramilitare durante la Seconda Guerra Mondiale. Esso si formò il 14 ottobre 1942 nella Volynia, nell’ovest dell’Ucraina, e divenne l’ala militare dell’Organizzazione dei nazionalisti ucraini (OUN), che agì nel Paese dal 1942 al 1953. Il principale obiettivo dell’UPA era quello di raggiungere l’indipendenza dell’Ucraina. UCMC pubblica la versione abbreviata dell’articolo di Novoe vremya. Mito 1: L’UPA era composto dagli “Scagnozzi di Hitler” e non ha mai combattuto contro i

Populismo, sovranità e meme su Putin: nella testa dei rossobruni italiani

Cosa succede quando le identità politiche del Novecento non valgono più. Di MATTIA SALVIA per Vice Italia Questo articolo è stato pubblicato originariamente sul nuovo numero di VICE Magazine, completamente dedicato all’attivismo oggi. Non so che anno fosse, forse il 2006, forse ancora prima. Fuori dal Leoncavallo, tre persone con un banchetto mi fermano. Mi chiamano “compagno.” Mi propongono di comprare la loro rivista e di tesserarmi alla loro associazione. La rivista

Violazione dei diritti fondamentali della persona in Ucraina negli anni 1917-1953

Con vero piacere ospitiamo l’introduzione sul tema ” Violazione dei diritti fondamentali della persona in Ucraina negli anni 1917-1953 ” dottorato conseguito il 14. 06 di uno dei nostri lettori Oleksandr Khalayim che ringraziamo di cuore.   Roma, 14 giugno 2017 Pontificia Università Lateranense «VIOLAZIONI DEI DIRITTI FONDAMENTALI DELLA PERSONA IN UCRAINA 1917-1953» Presentazione della tesi di dottorato Autore: Oleksandr Khalayim Relatore: Prof. Rocco Pezzimenti   Problemi storiografici e limiti del lavoro

Il 58% degli ucraini riconosce come minaccia la propaganda russa

Il sondaggio nazionale a proposito di “La consapevolezza e l’atteggiamento verso i problemi della disinformazione e propaganda nei media”,  avviato dal progetto StopFake, ha rilevato che il 58% degli ucraini riconosce una minaccia nella propaganda russa e nella sua disinformazione. La  ricerca,condotta dall’Istituto Internazionale della Sociologia di Kyiv, ha raccolto le opinioni di 110 intervistati,   appartenenti a diverse zone geografiche e  di due focus group nella regione di Donetsk. I

11 giugno il VisaFree Day una data che entrerà nei libri di storia ucraini

L’11 giugno è sicuramente una data che entrerà nei libri di storia ucraini, una vittoria personale per il criticato Presidente Petro Poroshenko e una indubbia vittoria nella guerra informativa che da anni si trascina con la Russia. La giornata di oggi vale mille articoli di Sputnik e Russia Today messi insieme, una debacle per la propaganda russa che in questi tre anni ha fatto di tutto per impedire l’arrivo di

Сообщить о фейке
StopFake
Спасибо за информацию. Сообщение успешно отправлено и в скором времени будет обработано.
Report a fake
StopFake
Thanks for the information. Message has been sent and will soon be processed.
Suscribirse a las noticias
¡Gracias! La carta de confirmación ha sido mandada a su correo electrónico
Подписаться на рассылку
Спасибо! Письмо с подтверждением подписки отправлено на Ваш email.
Subscribe to our newsletter
Thank you! A confirmation letter has been sent to your email address.
Абонирайте се за новините
Благодарим Ви! На Вашия email е изпратено писмо с потвърждение.
S’inscrire à nos actualités
Merci! Une lettre de confirmation a été envoyé à votre adresse e-mail.
Sottoscrivi le StopFake News
Grazie per esserti iscritto alle news di StopFake ! Una mail di conferma è stata inviata al tuo indirizzo di posta elettronica
Meld je aan voor het StopFake Nieuws
Bedankt voor het aanmelden bij StopFake! Er is een bevestigingsmail verzonden naar je emailadres.
ZGŁOŚ FEJKA
StopFake
Thanks for the information. Message has been sent and will soon be processed.
Subskrybuj
Thank you! A confirmation letter has been sent to your email address.